logo

Santa Alleanza

Nel Nord Italia, il mondo notturno dimostra di voler scegliere la strada della collaborazione fra club e addetti ai lavori. Ma le alleanze sono sempre a rischio ed i dispetti, invece pure…

Il giro d’Italia delle news inizia con il botto. Ossia con la prova provata dell’abbandono della Sardegna da parte di Philippe Renault jr. che, post notevoli problematiche della scorsa stagione al Pepero di Porto Cervo, approda in quel di Baveno (VB), per gestire gli show del Lido Beach Club. Le notti estive della struttura affacciata sul Lago Maggiore sono iniziate con sonorità mixate da Ben Dj e Lello Mascolo… Sempre in Piemonte, va segnalata l’apertura dell’H2O di Marano Ticino (NO), un club che punta forte sulla musica live, come ben testimoniato dallo show case di Vacca e dallo spettacolo di Tormento, entrambi aperti da Stan Smith.

A Torino, buone sensazioni per il Cool di San Salvario, ove impazzano serate a quattro mani, tipo Manets vs Brunets, il Bunker, che si regala un’installazione luminosa by Deniz Kurtel, il Tank, che apre il dehor dando vita agli appuntamenti Out of Tank, La Pista, motica location sul roof top del Lingotto, che porta avanti interessantissimi aperitivi musicali a cura di Albino Rinaldi e Ramona Yacef e il Club Gamma, nell’ambito del quale spiccano le serate targate We Play The Music We Love, meglio se musicate da Luciano Esse e The Taste.

Detto che Danilo Visconti continua in suoi spettacoli en travesti al Celebrità di Trecate (NO) dove, a fine anni ’80, Lele Mora portava tutti i suoi protetti, Alberto Castagna in testa, vale la pena di trasferirsi a Milano, che vede l’Hallbar mettere un po’ di Music Off nel motore sostenibile, grazie alle esibizioni di Ottavo Richter, Mariachi la Plaza e Rosas Miller Duo. Novità vera è l’inaugurazione del piacevole giardino di Bonaventura, birreria con cucina, live music, dj set e tanto ancora. L’appuntamento più gettonato è il venerdì Blacktronic, che vede in consolle Bruno Bolla. Sugli scudi le sonorità soul, funk, dub, acid jazz e indie.

Le chicche meneghine sono, però, ben altre. Amarsi e dirsi addio (immediato) è stato il leit motiv della brevissima collaborazione fra Mario Dettori ed il duo formato da Antonio Coppola e Angelo Petrotto: il padrone di casa del Bobino (che si è da poco spostato in Alzaia Naviglio Grande e tanto bene fa con il mercoledi di Barbara Garavelli, nonché Nani Mocenigo) aveva individuato nei due navigati ed eclettici organizzatori i nuovi padroni di casa del suo Atm, che si è per qualche settimana chiamato Chandelier. Ma le rose non sono fiorite e le porte sono state sbattute violentemente, ragion per cui i cambi di direzione hanno portato il grintoso titolare a virare verso lo staff QLab by Q21 (chez Carlo Mognaschi), che si prende in carico quantomeno il venerdì N!t, da sviluppare in terrazza.

Per una porta che si chiude, un portone che si apre: Stella Tarolla sposa il duo Antonio Coppola/Angelo Petrotto, arrivando al punto di fare in modo di condensare i rispettivi gioielli (Bar Bianco e Chandelier) in un’unica entità che, post inaugurazione del 6 giugno, viene ad occupare gli spazi verdeggianti del vecchio Ripa 90. Al Jowie, questo il nome dello spazio di via Ripamonti, cene allegre, fra musica e party, Rinascimento e Futuro.

Un matrimonio che parte bene è, invece, quello fra l’Amnesia e l’Amnesy di Lainate. Mr. Riccardo e soci iniziano con il portare al Summer Garden (questo il nome assegnato alla parte estiva del club fuori città) la talentuosa Nicole Moudaber, subito seguita da James Zabiela, l’eccellente Magda e Minicoolboyz. Insomma, lo staff del club di via Gatto conferma la grande preparazione artistica, decidendo finalmente di sposare, per la stagione calda, una location attrezzata al punto giusto. Per contro, il fumantino Roberto Ferri trova l’accordo che avrebbe già dovuto trovare nel passato, non foss’altro per mettere una pezza all’affronto di un nome fin troppo ammiccante e rubacchiato.

Rimanendo in Lombardia, non si può non segnalare il cambio di nome del Fura di Lonato (BS), che diventa No.Name, confermando la domenica italiana, sposando il Qi Clubbing di Rovato, con cui dà vita al sabato Qi Summer (nel privè, c’è la collaborazione Platinum) e lanciandosi nelle fin troppo conformiste feste del venerdì, fra cui spicca la poco creativa I Love Formentera. Fra i dj che si vedono nel club, segnaliamo Gianni Morri, Walter S e Gianluca Pighi. La presenza dello staff Platinum in area Dependance, ci dà modo di passare al Veneto e verificare che il Summer Tour della One Night lanciata dall’immarcescibile Andrea Lovo, con Francis Galante e Conf al mixer, passa attraverso i venerdì della Corte degli Angeli di Cerea (VR).

A Padova, un pierre di lungo corso quale Luca Rinaldo prova a tenere alto l’onore del Villa Barbieri, salvo poi spostarsi, ogni domenica, in compagnia del fido Ciccio, al Cayo Blanco di Sottomarina (VE) per un aperitivo denominato Cayo Show, che vede in consolle Alex Ciocca e Castaman. A Vicenza, Fabio Facchini mantiene variegata la programmazione del suo Victory, che conferma il giovedì Bailamos Latino e la presenza a rotazione di Thorn alle voci e Mauro Ferrucci (sorta di consigliori musicale) ai piatti, mentre ad ora di cena si fa notare l’effervescente Luca B. Anacronistica la serata del mercoledì che, targata Club Carpet, prevederebbe “Tutti i locali della Night Life veneta riuniti per una notte”…

Cambiamo scenario e annotiamo il fatto che Stefano Rampinelli si sta impegnando in un appuntamento mensile targato Let’s Move, organizzato ai bordi della piscina del Move Hotel di Mogliano Veneto (TV). E’ l’ultima tappa regionale, prima di approdare a Jesolo (VE), dove Il Muretto conferma quella sua propensione per la musica di buon livello spaziando da Marco Carola a Luciano, fino a Mirko Loco, senza farsi mancare il nuovo (musicalmente parlando) Giuliano Veronese. La vera chicca jesolana è però rappresentata dall’ennesimo matrimonio artistico della stagione, quello fra Tito Pinton e Nicola Parente, che scalzano i fratelli Fabbro e la loro Fizzo Entertainment. In consolle, di sabato, si rivede un altro nome storico della notte dance, Nicola Grassetto.

Mentre a Lignano Sabbiadoro (UD) si aspetta l’arrivo di David Guetta, previsto per il 3 agosto, al Kursaal di Lignano Riviera si fanno strada i lunedì Vida Loca, dedicati a hip hop e reggaeton, ma anche free style battle vere e proprie, corredate da live di Coez e sonorità by Samuel Valeri e Mitch. A Genova, Max Costa, con i dj Mario Taff e Mimmo Roselli, ma anche con la musica live di Max Lo Buono e Sara Traverso rilancia i venerdì over 30 dell’Albikokka, mentre ad Albissola (SV) Ariana Soffici riprende I martedì Night Fever presso il Soleluna, che propone una selezione musicale a cura di Marco Ooki, Giovanni Carrara, Danilo Quaranta e Davide Alfieri.

In Emilia Romagna, buone serate a La Via delle Spezie (discoteca con cucina) di Reggio Emilia, meglio se organizzate da un’insieme di pierre vispi quali sono I Ragazzi dello Sporting Club Sassuolo, Andrea Camurri, Fidelio e Sali e Tabacchi Staff, con la collaborazione di A. Sarti on the mix. A Milano Marittima, il Pineta di Chicco Cangini fa ruotare in consolle, accanto all’intoccabile Fabio Bartolini, Nicola Zucchi, Mappa, Sangio, Pluz e Mauro Ferrucci. Quest’ultimo si dimostra ancora una volta ottimo manager di sé stesso: come seleziona i locali lui, nessuno mai… Fatto sta che al Pineta è atteso, insieme al sodale Tommy Vee, il 7 settembre, per un event party targato Blue Marlin, Ibiza.

Sempre a Mi.Ma, Massimo Natali mette un nuovo chef (Marco Fadiga) nel motore del suo Zafferano by Caffè della Rotonda, riservandosi di portarlo anche al Vistamare di Lido di Savio, ove si regala serate di buon livello arricchite dal dj set di Menini & Viani, ma soprattutto dall’esibizione live dei Jutty Ranx, freschi vincitori del disco di platino per la hit I See You. A Misano, la notizia per eccellenza è il trasloco della one night Villa Titilla (unico dj, Ralf. Con tanto di teaser, tutto da gustare!), che abbandona La Villa delle Rose per sposare il Byblo’s di Carlo Chionna. Il quale, tanto per essere chiari, si gioca il tutto per tutto, dopo il giro a vuoto del 2012, esordio dei suoi 6 anni di gestione: si allea con il Cocoricò e soffia anche dj Ciuffo ai vicini, piazzandolo al sabato sera. Il giovedì Night Live (Stadio, Fio Zanotti, Arturo Brachetti e Sergio Sgrilli sugli scudi) e l’ennesima collaborazione con il Qi (che è ovunque…) completano una programmazione decisa a non passare inosservata.


I fratelli Massimo e Roberto Buffagni, Davide Maltoni e Sandro Acerbi rispondono all’affronto strappando Andrea Arcangeli alla consolle del Titilla ed affidandogli quella del sabato Fuego insieme a Bartolomeo ed a dj del calibro di Andrè Hommen. Ma, soprattutto, stringendo un accordo con la label Defected in The House che, dal 12 luglio, arriva con i suoi artisti a dar man forte ai venerdì We Are Music. Il Cocoricò di Riccione, per parte sua, continua la sua politica di proposte musicali al top, grazie Solomun, Skrillex e Ellen Allien chiamati nella consolle sotto la piramide nel mese di giugno, mentre il privè Titilla decide di sostituire l’ex resident con un tourbillon che coinvolge Memoryman, Shonky, Ricky L e Federico Grazzini.





Created by Roberto Piccinelli  |  Powered by dabit.net  |  Info e Legal