logo

Principesse scalze

Ogni scusa è buona, per un appuntamento alle isole Eolie… Ma quando anche l’appuntamento è speciale, non v’è dubbio sul fatto che ciascuna delle sette sorelle possa regalare una magia: e che magia!

Altro che il solito after hour. Un’Alba Musicale, in scena alle ore 05.30 del mattino, sulla spiaggia di Acquacalda, a Lipari, è senz’altro da sperimentare. Meglio, se in coppia e se a garantire la colonna sonora è la brava NicoNote, con Possible Songs, concerto per voce, contrabbasso, chitarra e batteria. Arrangiamenti e rielaborazioni spaziano da Charles Mingus ai Doors, da Cole Porter a Luigi Tenco, fino a Donna Summer, seguendo un fil rouge emozionale ed evocativo. In perfetta sintonia con quella voglia di brividi sulla pelle che attanaglia chi desidera uscire dal coro ed evadere dal solito tran tran. Come nel caso dei frequentatori di un altro fuori-orario da appuntarsi sull’agenda, quell’Alba di Benessere in mare aperto che, grazie ad un caicco in partenza alle 05.00 dal porto di Alicudi, prevede meditazione energetica, saluto al sole che nasce, bio-colazione, rilassamento yoga, massaggio ayurvedico e ritorno a terra alle 12.30. Tutto ciò ha il pregio di farci riappacificare con il mondo… Come pure quello di lasciarci ammirare qualche bel piede di donna, ovviamente nudo, perché in barca non può essere altrimenti, ma impreziosito da una sorta di infradito artistico, realizzato all’uncinetto con il cotone colorato, elasticizzato e impermeabile, che le ragazze brasiliane usano per realizzare i celeberrimi micro-bikini. Questo nuovo, immancabile bijoux sartoriale è griffato Fibrae...


Trasformate in tante principesse scalze, le rappresentanti del gentil sesso possono, a questo punto, provare perfino l’ebbrezza di un tanto cinematografico quanto immaginifico teletrasporto a Malibù, dove le aspetta Eva Longoria: basta che chiudano gli occhi e, proprio come la desperate housewife, sperimentino lo Stand Up Paddle, sport a la page consistente nel remare in piedi, sulla tavola da surf. Assolutamente da provare a Cala Junco, al largo di Panarea. Ma questo film estivo, unico come solo chi sa sfuggire alla routine lo è, non può rimanere troppo a lungo lontano dalla musica. Ed allora, sotto con un po’ di sani ritmi elettronici, da ballare sulla Spiaggia dell’Asino, in quel di Vulcano. O con una passionale Noche Flamenca, presso l’Arena delle Balle di Paglia, fra un profluvio di felci, in quel di Filicudi. Quanto al finale, beh niente di meglio che sperimentarne uno da Oscar, sognando Polinesia… Via, quindi, all’esplosione della filosofia Tiki. Perché proprio Tiki è la parola magica di un nuovo trend da celebrare a Salina, a ridosso di Capo Faro. Dire Tiki equivale a tirare in ballo drink a base di frutta esotica, da bere in bicchieri a forma di maschere tipiche, ma anche camicie hawaiane, collane di fiori, palme… Dire Tiki vuol dire dissetarsi con una delle tante proposte elencate nel libro Exotic Cocktail, ma anche danzare facendo passi e movimenti, in grado di far entrare nei corpi il sole del Pacifico.

Del resto, le Isole Eolie non sono certo da meno, siaper la bellezza sia per la capacità di fare tendenza: guardandovi intorno, magari a Stromboli, illuminati dalla sciara del fuoco, vedrete senz’altro diverse ragazze armate dell’originale borsa, modello clutch, lanciata sul mercato da Kate Spade New York, la griffe amata dall’attrice Jessica Alba: il gettonatissimo accessorio è in pvc nero, sfoggia un ananas dorato a mo’ di chiusura e vanta un nome eloquente, Tiki Bar Cocktail. Aloha!





Created by Roberto Piccinelli  |  Powered by dabit.net  |  Info e Legal